Il Disturbo Ossessivo Compulsivo e le relazioni.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo e le relazioni

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo si manifesta a volte con una sintomatologia relativa alle relazioni.

Giovanna è una donna di 37 anni, sposata. Chiama per un consulto e riferisce: “non so più che cosa fare, sono spaventata e preoccupata che mio marito possa lasciarmi. Ogni volta che ritorna a casa non faccio altro che domandargli dove sia stato, con chi abbia parlato e di cosa. Anche se lui mi risponde, io penso sempre che possa lasciarmi e che possa non amarmi più”. Questo oramai accade da anni e la signora Giovanna pur sentendosi rispondere dal marito in senso affermativo, non riesce a smettere di domandargli del suo amore, di chiedere certezze e rassicurazioni e di pensare di non essere corrisposta nei sentimenti. Afferma: “so che con queste continue domande non faccio altro che allontanarlo, ma non riesco proprio a smettere”.

Giovanna soffre di un Disturbo Ossessivo Compulsivo, un disturbo ansioso caratterizzato dalla presenza di pensieri intrusivi e persistenti, e da compulsioni messe in atto al fine di scongiurare le conseguenze negative associate a tali pensieri intrusivi.

“Vincere le ossessioni. Capire e affrontare il disturbo ossessivo compulsivo” – Gabriele Melli

Vincere le ossessioni Capire e affrontare il disturbo ossessivo compulsivo Gabriele Melli

Vincere le ossessioni. Capire e affrontare il disturbo ossessivo compulsivo“di Gabriele Melli pur nascendo inizialmente come un libro di auto aiuto per chi soffre di DOC – Disturbo Ossessivo Compulsivo – si è mostrato come un ottimo contributo anche per gli addetti ai lavori.

Vincere le ossessioni. Capire e affrontare il disturbo ossessivo compulsivo“di Gabriele Melli affronta in maniera semplice, fruibile ma al contempo professionale il Disturbo Ossessivo Compulsivo dal punto di vista della Terapia Cognitivo Comportamentale.

Il testo è un manuale psicoeducativo per chi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo, per i suoi familiari ma anche per operatori psicologi.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo: quali i meccanismi cognitivi sottostanti?

disturbo-ossessivo-compulsivo-quali-i-meccanismi-cognitivi-sottostanti

Un contributo della Dott.ssa Claudia Distefano sul sito internet del Centro Cognitivo Saronno.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo: quali i meccanismi cognitivi sottostanti?

Ecco la risposta.

Psicoterapia Cognitivo Comportamentale per il Disturbo Ossessivo Compulsivo: nuove ricerche e nuovi progressi.

Psicoterapia-Cognitivo-Comportamentale-per-il-Disturbo-Ossessivo-Compulsivo-nuove-ricerche-e-nuovi-progressi.

Avrò chiuso la porta di casa? Avrò spento il gas?

Magari sappiamo di averlo fatto bene, tuttavia torniamo a controllare per accertarcene.

Mi sarò lavato bene le mani? Sarò pulito o sarà rimasta qualche traccia di sporco?

E’ tutto in ordine?

Semplici domande, che tuttavia dall’essere delle semplici rassicurazioni, a volte,  si trasformano: si mostrano rigide, eccessive in frequenza ed intensità, sino a diventare delle vere e proprie ossessioni che pregiudicano la qualità della vita dell’individuo e si configurano altrettanto spesso come un vero e proprio disagio: il Disturbo Ossessivo Compulsivo.

Ma quando possiamo parlare di Disturbo Ossessivo Compulsivo?

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close