La notte non riesco a dormire: l’insonnia.

la notte non dormo l insonnia

Moltissime persone riportano occasionalmente nella propria vita problemi di insonnia: di notte non riescono a dormire.

Soffrire di insonnia può portare a conseguenze negative per la salute, ci può far sentire maggiormente stanchi ed affaticati durante il giorno, con difficoltà di attenzione e concentrazione o maggiormente irritabili.

Ma come funziona, perché si manifesta l’insonnia?

Anche alla base dell’insonnia vi sono dei processi emotivi, cognitivi e comportamentali.

A livello comportamentale spesso l’insonnia è mantenuta da una cattiva igiene del sonno.

Che cosa è l’igiene del sonno?

L’igiene del sonno racchiude in se delle “regole”, delle “buone prassi” per predisporsi e lasciarsi andare al sonno. Tra queste regole, troviamo per esempio:

  • andare a dormire ogni sera sempre alla stessa ora.
  • non bere caffè o altre sostanze eccitanti, tra le quali sono incluse le bevande alcoliche, prima di andare a dormire (almeno due o quattro ore prima).
  • coltivare delle routine pre-sonno, come per esempio una mezzora prima di andare a letto predisporre i vestiti per il giorno dopo oppure predisporre tutto il necessario per preparare la colazione il giorno dopo.
  • far si che il contesto in cui si dorme sia privo di rumori e di luci.
  • usare il letto solo ed esclusivamente per dormire (o per l’attività sessuale), quindi per esempio non guardare la tv, non leggere o non mangiare a letto.
  • fare attività fisica regolarmente ma non nelle ore immediatamente precedenti a quella in cui si va a dormire.

A livello cognitivo, vi possono essere delle credenze che interferiscono con il nostro sonno.

Per esempio,spesso pensiamo di non dormire bene, ma al contrario dormiamo meglio di quello che pensiamo.

Per molti di noi la deprivazione del sonno è un mito, qualcosa di non definito.

Siamo spesso convinti che il “buon sonno” sia caratterizzato dal “dormire di filato per ben otto ore”. Questa credenza, tuttavia, non è veritiera, recenti studi hanno sottolineato come il fabbisogno giornaliero di ore di sonno sia estremamente soggettivo e comunque si aggiri attorno alle sette ore. Inoltre il nostro fabbisogno giornaliero di ore di sonno, pur essendo soggettivo, non è sempre uguale ogni giorno della nostra vita. Al contrario, le ore di sonno necessarie cambiano di giorno in giorno e man mano che cresciamo.

A livello emotivo, spesso l’insonnia è dovuta al vivere momenti particolare o situazioni particolarmente stressanti e negative della propria vita (insonnia primaria) oppure può essere dovuta al vivere situazioni di disagio come l’ansia o l’umore depresso (insonnia secondaria).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close