La disgrafia: cos’è e come si manifesta.

La disgrafia cos e e come si manifesta

La Disgrafia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento che riguarda la scrittura, quindi concernente la riproduzione di segni alfabetici e numerici, con difficoltà relative al solo grafismo.

Il termine Disgrafia, difatti, deriva da “Dis“=contraria e “Grafia“=forma ed indica, appunto, un disturbo dell’espressione scritta di ordine grafo-motorio.

Per comprendere al meglio cosa sia la Disgrafia è necessario approfondire come funzioni la scrittura.

La scrittura è un’abilità complessa che implica al suo interno diverse abilità:

  1. Abilità relative la grafia
  2. Abilità relative l’ortografia

Nelle abilità relative alla “Grafia” vi sono:

  • Abilità prassico – motorie
  • Coordinazione oculo – manuale
Abilità relative alla grafia

Abilità relative alla grafia

Il bambino quando impara a scrivere, così come quando impara a leggere, passa attraverso diverse fasi:

  1. Fase logografica, in cui il bambino tratta le parole come un disegno, una forma unica, infatti vi è la scrittura globale delle parole.
  2. Fase alfabetica, in cui il bambino inizia ad analizzare la parola “lettera per lettera” e quindi inizia ad applicare le regole di conversione grafema/fonema.
  3. Fase ortografica, in cui il bambino inizia ad analizzare la parola per “unità ortografiche” e quindi associa la conversione grafema/fonema non più per singola lettera ma per gruppi di lettere.
  4. Fase lessicale, in cui il bambino tratta la parola come una struttura avente significato e quindi giunge alla scrittura globale.

Nel passaggio di  tutte queste fasi il bambino utilizza molte abilità; pensiamo ad esempio alla memoria (nello specifico la memoria di lavoro) ed alla attenzione, ma anche alle competenze visuo-percettive (analisi visiva, organizzazione percettiva, monitoraggio visuo-percettivo, … ) ed esecutivo-motorie (programmazione motoria, tracciatura, …).

Ma come si manifesta la Disgrafia?

Il bambino con disgrafia, solitamente, mostra una scrittura che non rispetta una buona organizzazione visuo-spaziale. Questa si mostra:

  • illeggibile o comunque di difficile interpretazione sia da parte del bambino stesso sia da parte di altri lettori;
  • tracciata con eccessiva lentezza o velocità;
  • goffa
  • disomogenea nel tratto e nella pressione
  • disomogenea nell’orientamento spaziale
  • con tendenza alla macrografia o micrografia
  • con tendenza a non rispettare i margini del foglio e/o gli spazi tra le parole

Al fine di giungere ad un riconoscimento precoce ed efficace della Disgrafia è opportuno effettuare una precisa analisi delle prestazioni del bambino attraverso prove standardizzate, (presso i centri di psichiatria infantile o presso gli psicologi abilitati).

Se desideri avere maggiori informazioni sulla Disgrafia o sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento manda un’email al seguente indirizzo info@psicologicamenteok.com o lascia un commento sotto questo articolo.

2 Responses to La disgrafia: cos’è e come si manifesta.

  1. Anna La Forgia scrive:

    Ottimo articolo lo integrerei con questo per completezza. Grazie di cuore.
    http://didatticapersuasiva.com/sostegno/che-cosa-e-la-disgrafia/

  2. Manuela Ricchiuti scrive:

    Articolo scritto particolarmente bene sotto tutti gli aspetti, lo integrerei a rigor di completezza con questo. :)
    http://didatticapersuasiva.com/sostegno/che-cosa-e-la-disgrafia/

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close