Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy

Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy.

Siamo sempre molto attenti al nostro benessere, ma in realtà quando parliamo di benessere a cosa ci riferiamo? Comprendere cosa sia il benessere può risultare difficoltosa, a causa delle varie sfaccettature dalle More »

cosa-e-disagio-scolastico

Cosa è il disagio scolastico?

La scuola è da poco ricominciata. Abbiamo sentito spesso parlare di disagio scolastico. Ma cos’è il disagio scolastico? Per comprendere a pieno il disagio scolastico risulta necessario comprendere le dinamiche presenti all’interno More »

La-psicoterapia-modifica-il-cervello-e-produce-effetti-benefici

La Psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici.

Terapia farmacologica o psicoterapia? Psicologo o psichiatra? La psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici. Attualmente vi è la tendenza a dividere i trattamenti per il disagio mentale in due tipologie More »

I-Gruppi-di-Auto-Mutuo-Aiuto-cosa-sono-e-per-cosa-indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto: cosa sono e per cosa sono indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto sono un’ottima metodologia di trattamento utile per affrontare particolari situazioni di disagio. I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto si svolgono secondo il seguente principio: “Tu solo More »

Psicoterapia Cognitivo Comportamentale: è efficace anche Online.

Psicoterapia Cognitivo Comportamentale e efficace anche Online

La Psicoterapia Cognitivo Comportamentale è efficace anche Online.

A dimostrarlo è uno studio scientifico condotto dall’University of Pittsburgh School of the Health Science che ha mostrato come persone affette da ansia e depressione abbiano migliorato il proprio benessere attraverso sessioni di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Online (CCBT – Computerized Cognitive Behavioral Therapy) e Gruppi di Sostegno Online (ISG – Internet Support Group).

Andiamo a vedere l’articolo scientifico più nello specifico: “Terapia Online efficace nel trattamento di Ansia e Depressione”

A cosa serve l’ansia? A motivarci.

A cosa serve l'ansia? A motivarci.

A cosa serve l’ansia“? Domanda che spesso ci poniamo ed alla quale altrettanto spesso non riusciamo a rispondere da soli.

Altrettanto spesso sentiamo che l’ansia – o meglio la paura – in “una giusta dose” è positiva, in quanto ci spinge ad agire e soprattutto ci consente di fronteggiare il pericolo e di superarlo.

Pensiamo, per esempio, alla seguente situazione: un colloquio di selezione per un nuovo lavoro. Sicuramente prima di recarci al colloquio ci sentiremo ansiosi: le mani suderanno, il cuore batterà più veloce e ci passeranno tanti pensieri e magari dubbi per la testa; se l’ansia si presenta in maniera lieve saremo in grado di affrontare la situazione in modo funzionale; se, al contrario, si presenta in maniera eccessiva magari ci bloccheremo ed alla fine decideremo di non andare al colloquio.

La disgrafia: cos’è e come si manifesta.

La disgrafia cos e e come si manifesta

La Disgrafia è un Disturbo Specifico dell’Apprendimento che riguarda la scrittura, quindi concernente la riproduzione di segni alfabetici e numerici, con difficoltà relative al solo grafismo.

Il termine Disgrafia, difatti, deriva da “Dis“=contraria e “Grafia“=forma ed indica, appunto, un disturbo dell’espressione scritta di ordine grafo-motorio.

Per comprendere al meglio cosa sia la Disgrafia è necessario approfondire come funzioni la scrittura.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo e le relazioni.

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo e le relazioni

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo si manifesta a volte con una sintomatologia relativa alle relazioni.

Giovanna è una donna di 37 anni, sposata. Chiama per un consulto e riferisce: “non so più che cosa fare, sono spaventata e preoccupata che mio marito possa lasciarmi. Ogni volta che ritorna a casa non faccio altro che domandargli dove sia stato, con chi abbia parlato e di cosa. Anche se lui mi risponde, io penso sempre che possa lasciarmi e che possa non amarmi più”. Questo oramai accade da anni e la signora Giovanna pur sentendosi rispondere dal marito in senso affermativo, non riesce a smettere di domandargli del suo amore, di chiedere certezze e rassicurazioni e di pensare di non essere corrisposta nei sentimenti. Afferma: “so che con queste continue domande non faccio altro che allontanarlo, ma non riesco proprio a smettere”.

Giovanna soffre di un Disturbo Ossessivo Compulsivo, un disturbo ansioso caratterizzato dalla presenza di pensieri intrusivi e persistenti, e da compulsioni messe in atto al fine di scongiurare le conseguenze negative associate a tali pensieri intrusivi.

La depressione: quali i sintomi principali?

La depressione quali i sintomi principali

La depressione oggi colpisce solo in Italia circa l’11% della popolazione con una prevalenza maggiore nel genere femminile.

La depressione rientra nei disturbi dell’umore è può comparire a volte in seguito a particolari eventi scatenanti, pensiamo per esempio ad un lutto oppure ad un fallimento finanziario, o anche in relazioni a particolari fasi della vita, pensiamo invece alla depressione post partum oppure alla menopausa, o anche in relazione all’insorgenza di altre patologie fisiche, come nei casi di patologie cardiovascolari, tumori o malattie croniche.

Ma come riconoscere la depressione e trattarla efficacemente?

Disturbi dell’Alimentazione ed Emozioni.

Disturbi dell'Alimentazione ed Emozioni

I Disturbi dell’Alimentazione, conosciuti anche come DCA – Disturbi del comportamento Alimentare, riguardano circa il 3% della popolazione con un’incidenza maggiore nella popolazione femminile.

Molti studi si sono interrogati sulla genesi dei Disturbi dell’Alimentazione ed hanno identificato una combinazione di fattori biologici, temperamentali ed ambientali che possono essere identificati come fattori di rischio per tali patologie.

Ma che ruolo hanno le emozioni nello sviluppo e nel mantenimento dei Disturbi dell’Alimentazione?

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close