Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy

Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy.

Siamo sempre molto attenti al nostro benessere, ma in realtà quando parliamo di benessere a cosa ci riferiamo? Comprendere cosa sia il benessere può risultare difficoltosa, a causa delle varie sfaccettature dalle More »

cosa-e-disagio-scolastico

Cosa è il disagio scolastico?

La scuola è da poco ricominciata. Abbiamo sentito spesso parlare di disagio scolastico. Ma cos’è il disagio scolastico? Per comprendere a pieno il disagio scolastico risulta necessario comprendere le dinamiche presenti all’interno More »

La-psicoterapia-modifica-il-cervello-e-produce-effetti-benefici

La Psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici.

Terapia farmacologica o psicoterapia? Psicologo o psichiatra? La psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici. Attualmente vi è la tendenza a dividere i trattamenti per il disagio mentale in due tipologie More »

I-Gruppi-di-Auto-Mutuo-Aiuto-cosa-sono-e-per-cosa-indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto: cosa sono e per cosa sono indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto sono un’ottima metodologia di trattamento utile per affrontare particolari situazioni di disagio. I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto si svolgono secondo il seguente principio: “Tu solo More »

Attacchi di panico? – Lo Psicologo Risponde

Lo psicologo risponde

Salve, da ormai 4 anni vivo un intenso disagio: ogni giorno devo andare al lavoro e mi sento molto ansioso, spesso mi manca l’aria e mi sento di svenire, questo accade solo nel tragitto ed una volta arrivato in ufficio riesco a tranquillizzarmi. Mi hanno detto che soffro di attacchi di panico…è possibile? Che cosa mi sta succedendo? Come posso stare meglio?

Gentile lettore, rivolgendosi ad un professionista psicologo potrebbe comprendere meglio la natura della sua ansia. Comprendere se siano o meno attacchi di panico richiederebbe un ulteriore approfondimento della sintomatologia presente e di quelli che sono per lei eventi ansiogeni/attivanti.

La Dislessia: che cosa è ed come riconoscerla.

Dislessia

La dislessia è un Dsa, ovvero un Disturbo Specifico dell’Apprendimento, riguardante la decodifica di lettura. E’ un disturbo della lettura che si manifesta in individui in età evolutiva privi di deficit neurologici, cognitivi, sensoriali e relazionali e che hanno usufruito di normali opportunità educative e scolastica.

Essa è stata studiata dal punto di vista sia biologico, sia cognitivo che educativo in quanto negli ultimi anni si è andati incontro ad un incremento di tale disturbo nella popolazione scolastica.

Ma che cosa è, concretamente, la dislessia?

La dislessia nel DSM-V è stata inserita nella categoria diagnostica dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento.

La resilienza: cos’è e come svilupparla.

LA RESILIENZA COS’È E COME SVILUPPARLA

Resilienza: sostantivo femminile che indica la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi.

Ma noi siamo capaci di “assorbire un urto senza romperci”?

La resilienza, da un punto di vista prettamente psicologico, indica la capacità di far fronte in maniera positiva ad eventi traumatici e di sapersi “riorganizzare” in seguito ad essi in maniera altrettanto positiva.

Chi di noi non ha subito un urto nella vita? Pensiamo per esempio all’andare incontro a situazioni difficili, a quei conflitti quotidiani che viviamo ogni giorno oppure ancora ad una delusione amorosa, alla perdita di un lavoro, alla scomparsa di una persona cara.

XVII WORKSHOP ANALITICO – GRUPPO ALLARGATO: “CRITICITA’ NELLA GESTIONE SOCIALE DELLA RETE: IL MASCHILE E FEMMINILE IN LOTTA”

XVII WORKSHOP ANALITICO - GRUPPO ALLARGATO maschile-e-femminile

XVII WORKSHOP ANALITICO - GRUPPO ALLARGATO: “ CRITICITA’ NELLA GESTIONE  SOCIALE DELLA RETE: IL MASCHILE ED IL FEMMINILE IN LOTTA”

Bari 10 Marzo 2016

SEDE: Salone Mediateca Regionale – Via Zanardelli, 5  Bari

 

 

Obiettivi del Workshop Esperienziale:

Nell’ambito di iniziative tese alla costruzione di una rete virtuosa, si è pensato di offrire  nella cornice di un Gruppo Allargato uno spazio  di riflessione e ripensamento  circa i punti nevralgici, che impediscono  la cultura della cooperazione  e della partecipazione attiva  nel sociale.

Il processo  che si attiva in un gruppo allargato penetra i livelli di profondità psicologica, che va oltre l’inconscio psicoanalitico o gruppo analitico. Tante persone sconosciute  riunite insieme senza uno schema prefigurato possono interagire in senso creativo al punto da poter  dare vita a cambiamenti insospettati.  Il  gruppo allargato facilita lo sviluppo della cultura socio-terapica nel senso di favorire lo spiegarsi della “funzione riflessiva, di pensiero, di contenimento di ansia e di trasformazione dell’ansia primitiva in segnale di ansia per l’esercizio delle funzioni del processo secondario e del sistema conoscitivo del se” (M. Pines).

Negli  workshops precedenti è emerso a tratti nella dinamica di gruppo allargato  il tema del maschile e femminile  come punto di criticità nella costruzione di una rete virtuosa. Pertanto, in questo Workshop si è pensato di mettere a fuoco tutti gli aspetti inerenti il tema su detto.

Il pensiero ottimista e la riformulazione positiva.

Il pensiero ottimista e la riformulazione positiva

Lo stile di pensiero ottimista è un’abilità che consente alle persone di sviluppare una maggiore resilienza, di superare le avversità ed le situazioni problematiche che incontrano nella loro vita.

Lo stile di pensiero ottimista è comprensibile alla luce della metafora del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto.

Come mai uno stesso bicchiere può, da alcune persone, essere percepito come “mezzo pieno” ed da altre “mezzo vuoto”?

“Imparare l’ottimismo – Come cambiare la vita cambiando il pensiero” – Martin E.P. Seligman

Imparare l'ottimismo - Martin E.P. Seligman

Imparare l’ottimismo” di Martin Seligman è un manuale veramente interessante sull’ottimismo e su come esso, soprattutto in questo momento storico, possa essere un utile ausilio nella nostra vita quotidiana.

Imparare l’ottimismo” sottolinea come, infatti, l’ ottimismo non sia una qualità innata, ma un modo di essere. L‘ottimismo si apprende ed è lo strumento necessario per migliorare radicalmente la qualità della vita.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close