Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy

Il benessere soggettivo ed il Well Being Therapy.

Siamo sempre molto attenti al nostro benessere, ma in realtà quando parliamo di benessere a cosa ci riferiamo? Comprendere cosa sia il benessere può risultare difficoltosa, a causa delle varie sfaccettature dalle More »

cosa-e-disagio-scolastico

Cosa è il disagio scolastico?

La scuola è da poco ricominciata. Abbiamo sentito spesso parlare di disagio scolastico. Ma cos’è il disagio scolastico? Per comprendere a pieno il disagio scolastico risulta necessario comprendere le dinamiche presenti all’interno More »

La-psicoterapia-modifica-il-cervello-e-produce-effetti-benefici

La Psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici.

Terapia farmacologica o psicoterapia? Psicologo o psichiatra? La psicoterapia modifica il cervello e produce effetti benefici. Attualmente vi è la tendenza a dividere i trattamenti per il disagio mentale in due tipologie More »

I-Gruppi-di-Auto-Mutuo-Aiuto-cosa-sono-e-per-cosa-indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto: cosa sono e per cosa sono indicati.

I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto sono un’ottima metodologia di trattamento utile per affrontare particolari situazioni di disagio. I Gruppi di Auto Mutuo Aiuto si svolgono secondo il seguente principio: “Tu solo More »

Psicoterapia Cognitivo Comportamentale per il Disturbo Ossessivo Compulsivo: nuove ricerche e nuovi progressi.

Psicoterapia-Cognitivo-Comportamentale-per-il-Disturbo-Ossessivo-Compulsivo-nuove-ricerche-e-nuovi-progressi.

Avrò chiuso la porta di casa? Avrò spento il gas?

Magari sappiamo di averlo fatto bene, tuttavia torniamo a controllare per accertarcene.

Mi sarò lavato bene le mani? Sarò pulito o sarà rimasta qualche traccia di sporco?

E’ tutto in ordine?

Semplici domande, che tuttavia dall’essere delle semplici rassicurazioni, a volte,  si trasformano: si mostrano rigide, eccessive in frequenza ed intensità, sino a diventare delle vere e proprie ossessioni che pregiudicano la qualità della vita dell’individuo e si configurano altrettanto spesso come un vero e proprio disagio: il Disturbo Ossessivo Compulsivo.

Ma quando possiamo parlare di Disturbo Ossessivo Compulsivo?

Autolesionismo in adolescenza: farsi del male per stare un po’ meglio.

Autolesionismo-in-adolescenza-farsi-del-male-per-stare-un-po-meglio.

L’autolesionismo in adolescenza sta divenendo un fenomeno molto più frequente.
In letteratura sono rintracciabili numerosi contributi sulle caratteristiche e sulle motivazioni dell’autolesionismo – chiamato nello specifico autoferimento.

Il termine autolesionismo – detto anche autoferimento – viene descritto dall’espressione inglese Non Suicidal Self Injuri (NSSI).

L’autoferimento è un fenomeno in rapida crescita con prevalenza del 12-39% tra la popolazione normativa, con esordio adolescenziale tra i 12 ed i 14 anni.

L’autoferimento si connette a tutti quei comportamenti deliberati e direttamente finalizzati all’alterazione della superficie corporea.

Apprendimento Cooperativo: una definizione.

Apprendimento Cooperativo una definizione

Recentemente è stato attribuito molto peso, soprattutto in ambito scolastico, ad una forma particolare di apprendimento, ovvero l’apprendimento collaborativo.

Ma cosa è l’Apprendimento Collaborativo, detto anche Cooperative Learning?

L’apprendimento collaborativo è una metodologia di insegnamento, che differentemente dalle lezioni frontali, si mostra a favore dell’implementazione di attività pratiche e condivise da parte degli alunni.

In maniera maggiormente specifica Johnson e Johnson lo descrivono come l’uso guidato di piccoli gruppi in modo che gli studenti lavorino insieme per raggiungere un obiettivo comune; quindi ciò che lo differenzia essenzialmente dalle lezioni frontali è una strutturazione attiva delle conoscenze da parte di tutti i partecipanti all’evento educativo.

“Tecniche base del metodo comportamentale. Per l’handicap grave e l’autismo” – Foxx Richard M.

Tecniche-base-del-metodo-comportamentale.-Per-l'handicap-grave-e-l'autismo---Foxx-Richard-M.

Tecniche base del metodo comportamentale. Per l’handicap grave e l’autismo” – Foxx Richard M.

Ottimo libro per psicologi ed insegnanti che si affacciano per la prima volta nel mondo delle metodologie comportamentali.
Tutte le principali tecniche sono qui spiegate con estrema semplicità e corredate di utili esempi applicativi.

Tecniche base del metodo comportamentale. Per l’handicap grave e l’autismo”  di  Foxx Richard M illustra quali siano le procedure per motivare e consolidare gli apprendimenti e per gestire i ridurre i comportamenti problema.

Disturbi del comportamento alimentare: si può tornare al benessere?

Disturbi del comportamento alimentare si può tornare al benessere

Quando si parla di disturbi del comportamento alimentare (DCA) ci si rende conto che per molti la ragazza “anoressica” è quella molto magra che digiuna, mentre la “bulimica” è la ragazza più formosa che vomita.

Forse questo è ciò che i film lasciano passare ma nella realtà i DCA non si limitano semplicemente ad essere caratterizzati dall’esser sovrappeso o sottopeso, ma hanno un quadro sintomatologico di gran lunga più complesso.

Cosa fare in caso di disturbi del comportamento alimentare?

Agganciare chi soffre di Disturbi del Comportamento Alimentare, dal punto di vista motivazionale, è il primo ostacolo che i terapeuti devono affrontare.

Queste persone, infatti, quasi mai intraprendono un percorso di loro spontanea volontà, o se lo fanno sono scettiche quando messe nella condizione di dover valutare i pro e i contro del cambiamento.

Chi è lo stalker? Profilo psicologico e comportamentale.

Chi-e-lo-stalker-Profilo-psicologico-e-comportamentale

Chi è lo stalker?

Descrivere la figura dello stalker risulta notevolmente difficoltoso in quanto, in relazione alla letteratura esistente, emerge come gli “inseguitori assillanti” non costituiscano un gruppo omogeneo.

Tale figura potrebbe essere descritta, inizialmente, come coloro che mettono in atto il comportamento di Stalking. Tuttavia lo Stalking, letteralmente “fare la posta”, secondo un’ottica critica racchiude in se comportamenti che esistono da tempo ma che solo ultimamente sono stati racchiusi e classificati in tale categoria.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close