Il successo porta alla felicità? No, la felicita porta al successo.

Il-successo-porta-alla-felicita-No-la-felicita-porta-al-successo

Pensiamo spesso, secondo il senso comune, che maggiore successo avremo nella vita e maggiore sarà la nostra felicita?
Ma è proprio cosi? Maggiore successo è uguale a maggiore felicità?

Un ricercatore psicologo di Harward ha spiegato come piuttosto che pensare che sia il successo a portarci la felicita, è vero il contrario: la felicità può portarci al successo.

La felicità può essere la nostra fonte di successo. 

Solitamente, soprattutto quando siamo nel contesto lavorativo, ci prefiggiamo degli obiettivi, fatichiamo spesso anche molto per raggiungerli, e pensiamo che una volta che li avremo raggiunti, ci sentiremo maggiormente soddisfatti e felici.

Bene, la ricerca in questione, ci dice che dovremmo invertire l’equazione “maggiore successo = maggiore felicità” al contrario … quindi maggiore felicità = maggiore successo.

Ma perché dovremmo invertire tale equazione?

Perché proprio ogni volta che raggiungiamo il successo, per esempio un traguardo personale o un obiettivo che ci eravamo prefissati sul lavoro, il nostro pensiero su cosa sia il successo cambia, si modifica e ci porta a guardare avanti verso un ulteriore passo per un ulteriore successo.

Questo accade, quindi, come in un meccanismo a catena ogni qual volta raggiungiamo un obiettivo; rappresenta la nostra volontà di volerci sempre migliorare.

Al contrario quando ci sentiamo bene, quando siamo felici il nostro cervello funziona meglio, siamo maggiormente creativi, predisposti al problem solving ed utilizziamo al meglio le nostre potenzialità cognitive. Ecco una motivazione per cui sarebbe utile invertire l’equazione in maggior felicità = maggiore successo.

Inoltre la felicità come emozione si accompagna il più delle vote ad uno stile “ottimistico”.

L’ottimismo, infatti, come stile esplicativo è molto utile e ci può aiutare a raggiungere il successo in quanto ci consente di vedere maggiori, più numerose e diversificate possibilità di raggiungere il successo.

L’ottimismo e la felicita sono obiettivi per noi tutti raggiungibili anche attraverso dei cambiamenti nei nostri modi di pensare e di comportarci, come del resto sottolineato dalla Psicologia Positiva.

Anche se potremmo ritenere che sia per noi difficile cambiare modo di pensare, non facciamoci prendere dallo sconforto e dalla passività.

Tutti noi, con un po di impegno, potremmo sviluppare uno stile di pensiero maggiormente ottimistico.

Proviamo, per esempio, a fare un piccolo esercizio: ogni giorno, per un mese, a sera annotiamo su un quaderno 3 cose che durante la giornata ci hanno fatto sentire bene o per le quali dovremmo essere grati e felici.
Facendo questo piccolo e semplice esercizio potremmo sperimentare direttamente su noi stessi come il nostro ottimismo ed il nostro “quoziente di felicità” possa aumentare.

Allora, buon esercizio a tutti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close