Come combattere lo stress? Concentrandosi su sé stessi!

Psicologicamente ok, claudia Distefano psicologo, psicologo bari

Oggi lo stress rientra nella nostra quotidianità, ma come combatterlo?

Alla domanda “come combattere lo stress” si potrebbero trovare numerose risposte, ognuna delle quali con la propria evidenza scientifica ed ognuna delle quali con l’indicazione di una possibile strategia di fronteggiamento.

Per combattere lo stress può essere utile concentrarsi su sé stessi, ovvero rimanere “un pò” da soli.

Numerosi studi scientifici (Timothy D. Wilson, David A. Reinhard, Erin C. Westgate, Daniel T. Gilbert , Nicole Ellerbeck, Cheryl Hahn, Casey L. Brown, Adi Shaked – 2014 ) hanno dimostrato che trascorrere un pò di tempo da soli, con i propri pensieri, è fonte di benessere.

Come essere umani abbiamo bisogno di trascorrere del tempo da soli e di concentrarci su noi stessi! Ne ha bisogno sia il nostro corpo sia il nostro cervello.

Concentrarsi su sé stessi, tuttavia, non significa stare seduti in una stanza per fissare il muro e per pensare a cosa, invece, stiano facendo gli altri.

Ma cosa fa il nostro cervello, quando siamo soli, in un posto tranquillo e con “niente da fare”?

Sicuramente il nostro cervello non si spegne…anzi studi scientifici (The Brain’s Default Networ) hanno dimostrato che proprio in questi momenti di “solitudine” e di “riposo” si attiva una specifica rete celebrale con la quale per esempio “sogniamo ad occhi aperti”, parliamo a noi stessi, ci ricordiamo di eventi del passato oppure pianifichiamo il futuro.

In questi momenti, anche se all’apparenza non sembriamo occupati in nessuna attività, parliamo costantemente con noi stessi e contemporaneamente ci prepariamo ad agire per il futuro, incoraggiamo la nostra creatività e la nostra capacità di multitasking.

Il nostro cervello, quindi, può rilassarsi e, contemporaneamente, concentrarsi.

Concentrarsi su sé stessi, tuttavia, non significa isolarsi dagli altri.

Di seguito qualche suggerimento per godere del tempo concentrandosi su sé stessi senza però isolarsi:

  • Scegliere una propria attività “privata”: qualcosa che decidiamo di fare “con noi stessi” e “per noi stessi”, ad esempio leggere un libro, scrivere un diario, dipingere, imparare una nuova abilità,…
  • Fare esercizio fisico: utile al corpo ed anche alla mente, in quanto libera le endorfine, sostanze connesse alla felicità.
  • Praticare la meditare: la meditazione e la pratica mindfulness è utile per contrastare l’ansia e lo stresso e trovare un proprio equilibrio.

 

E voi, cosa fate per concentrarsi su voi stessi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close